News

A dieci anni dalla morte, Fabio Fazio ricorda Giorgio Gaber con uno speciale di Che tempo che fa

Giorgio GaberA dieci anni dalla scomparsa di Giorgio Gaber, Che tempo che fa di Fabio Fazio dedica al grande cantautore milanese una puntata speciale dal titolo G di Gaber, in onda lunedì 21 gennaio in prima serata su Rai3. Nel corso della serata-evento saranno ripercorsi i momenti salienti della vita e della carriera di Gaber attraverso la testimonianza di Sandro Luporini, suo storico coautore, che ha raccolto nel libro G. Vi racconto Gaber, le discussioni, le idee, i dubbi, le storie, e qualche volta le coincidenze che hanno dato origine ai loro capolavori. “Per tutta la sera parliamo di Giorgio Gaber attraverso le sue parole e quelle di Sandro Luporini. Ma quello che più ci preme è parlare di Gaber al futuro perché le sue parole, oggi, sono più vive che mai” spiega Fazio. A rendere omaggio a Gaber saranno: Patti Smith, Claudio Bisio, Paolo Jannacci, Rocco Papaleo, Luca e Paolo, Enzo Iacchetti, Enrico Ruggeri, Paolo Rossi, Samuele Bersani, Emma, Luciana Littizzetto, Rossana Casale, Roberto Vecchioni, Neri Marcorè, Arisa, i Piccoli Cantori di Milano, tutti accompagnati dalla band originale di Giorgio Gaber, che si è riunita proprio per questa speciale serata (Gianni Martini alla chitarra, Luigi Campoccia al piano, Claudio De Mattei al basso, Enrico Spigno alla batteria, Corrado Sezzi alle percussioni, Luca Ravagni alle tastiere).

Inoltre questa sera alle 23.20 su Rai1 andrà in onda lo Speciale TG1 intitolato Giorgio Gaber Genesi di un ribelle 1959-1970 a cura di Vincenzo Mollica. Il documentario racconta tutto quello che è accaduto di rilevante per Gaber in tv: dal 1959, quando fece la sua prima apparizione al Musichiere, fino a quando abbandonò la televisione nel 1970 per intraprendere con Sandro Luporini quella meravigliosa avventura che divenne il Teatro Canzone. Sono stati dieci anni importanti in cui Gaber fece una televisione di successo, ma anche anticonformista, da vero ribelle, limpido nel cantare e nel pensare. Insomma si scoprirà come Gaber è diventato il Signor G. (fonte Ufficio Stampa Rai)

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...