Rassegna stampa

Rassegna stampa: l’Italia di Santoro

Il nuovo “esperimento” di Michele Santoro, Italia, in onda su Rai2, non ha entusiasmato il pubblico. Il primo appuntamento con il reportage Tutti ricchi (per una notte), trasmesso il 5 ottobre 2016, aveva ottenuto un risultato incoraggiante, 1 milione 771 mila spettatori (8.10% di share), tuttavia con la seconda puntata del 15 dicembre 2016, intitolata La botta, il programma è crollato, ottenendo 992 mila spettatori (4.20%). La trasmissione è cresciuta leggermente con la terza puntata in onda il 26 gennaio 2017, dal titolo Un mondo migliore, seguita da 1 milione 87 mila spettatori (4.40%), e l’ultima del 2 febbraio, Babyricchi, vista da 1 milione 148 mila spettatori (4.63%).

Come scrive Aldo Grasso sul Corriere della Sera, il conduttore ha smarrito identità propositiva perché la tv pullula di figli di Santoro (ha creato dei “mostri”) e perché i talk sono stati sviliti da troppi ciarlatani della parola:

«Italia», la nuova proposta televisiva in quattro puntate di Michele Santoro, non è stata delle più riuscite. Sia sul piano editoriale che su quello degli ascolti (Rai2, giovedì, ore 21.20). Non che gli argomenti non siano stati interessanti. Nell’ultima puntata, per esempio, si è parlato dello smercio di cocaina sotto gli occhi dei professori in un liceo romano; si è parlato dello scontro tra la Roma Nord dei quartieri «bene» e la Roma Sud della periferia, tra i ragazzi ricchi che hanno tutto per nascita e quelli che desiderano le stesse cose ma devono sudarsele; si è parlato della fine delle ideologie. Santoro ha tutta l’aria del vecchio Re Leone, del capobranco messo ai margini. E un po’ mi dispiace, avendo negli anni battagliato a lungo contro di lui: per come faceva tv, per come si ergeva a Conduttore Unico delle Coscienze (copy by Giuliano Ferrara), per quanto era ideologico. Mai però sul piano personale: Santoro, a differenza di molti suoi colleghi che si riempiono la bocca di libertà d’espressione, non ha mai telefonato a chi di dovere per lamentarsi. Credo che i fattori di questa smarrita identità propositiva siano due. Il primo è che la tv pullula di figli di Santoro: ha creato dei «mostri», non si sa quanto coscientemente. Quasi tutti i talk, di destra o di sinistra, di sopra o si sotto, hanno succhiato latte da Santoro: del resto il populismo in tv l’ha inventato lui. Quando vedi un Del Debbio o un Paragone che santoreggiano, capisci che al Fondatore non restano che le inchieste «sagge». Il secondo fattore è che i talk non sono in crisi perché sono troppi, ma sono in crisi perché sono pieni di ciarlatani che hanno svilito il senso stesso della parola. Santoro prima si «salvava» con il pensiero forte dell’ideologia, che ormai, però, è svaporata. E allora cerca «nuovi linguaggi», espressione fra le più fatue per dire che non si sa cosa fare.

Advertisements

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...