Rassegna stampa

Rassegna stampa: quel vecchio Sogno azzurro

Rassegna stampa Sogno azzurro
Antonella Clerici e il ct della Nazionale Antonio Conte nella serata evento di Rai1, Sogno azzurro
Martedì 31 maggio è andata in onda su Rai1 la serata evento Sogno Azzurro, condotta da Antonella Clerici in diretta dall’Auditorium Rai del Foro Italico di Roma, per salutare la Nazionale di calcio Italiana in partenza per gli Europei di Francia. Il programma è stato seguito da 4 milioni 242 mila telespettatori, pari al 17.20% di share, aggiudicandosi la prima serata. La lunga anteprima, Sogno Azzurro. Arriva la Nazionale, ha registrato invece 4 milioni 33 mila telespettatori, con uno share del 16.92%.
Per Aldo Grasso, la Rai ha allestito un programma che più vecchio e giulebboso non poteva essere. Infatti sul Corriere della Sera scrive:

E la grande narrazione che RaiSport ci aveva promesso? Guardando «Sogno azzurro», la trasmissione in diretta dall’Auditorium Rai del Foro Italico a Roma che ha ospitato la Nazionale di calcio in partenza per gli Europei, mi sono cadute le braccia, non credevo ai miei occhi (Rai1, martedì, ore 20.35). La Rai ha allestito un programma che più vecchio e giulebboso non poteva essere, con la cuciniera Antonella Clerici a fare da padrona di casa per la presentazione dei 23 azzurri. Ma in che anno siamo? Ma che Rai1 ci aspetta? Ma è vero che il direttore della rete Andrea Fabiano ha 40 anni? Tanto per saperlo, visto che un programma così avrebbe potuto allestirlo, e meglio, anche Fabrizio Del Noce. Se ho capito bene, il racconto dello sport passa ancora da Antonella Clerici e poi da Ivan Zazzaroni, Marco Mazzocchi, Arrigo Sacchi e altri brillanti giovanotti come l’incontenibile Flavio Insinna. Raramente mi è capitato di vedere una trasmissione sul calcio così brutta, con i quadretti famigliari, le grandi domande della Clerici («in camera chi russa?»), le carrambate a El Shaarawy con l’arrivo del suo vecchio allenatore del Legino e a Conte (un reperto di «Ti lascio una canzone»), con i «capitani coraggiosi» Baglioni e Morandi, persino con la Gialappa per dare un ritocco alla senilità del tutto. Abbiamo atteso una gestazione di nove mesi per vedere in Rai il nuovo che avanza. Per dire il grado di competenza: la Clerici presenta la «terna arbitrale» e si presentano in cinque. E comunque le colpe vanno condivise. Sul sito della Figc c’era scritto: «A far da cornice all’evento sportivo un impianto di spettacolo vero e proprio. A partire dall’opening della serata, che sarà costruito sulla falsariga delle cerimonie di inaugurazione delle grandi manifestazioni sportive, con tutta la partecipazione emotiva e la coinvolgente suggestione che ne consegue». Aiuto, speriamo che la Nazionale non ne risenta.
 Anche il critico di Repubblica, Antonio Dipollina, boccia la “seratona”:
Il parrucchiere di Insigne, Raiuno e la Nazionale di calcio. Per farli convivere l’altra sera è andato in scena Sogno azzurro, seratona che ufficializzava i convocati azzurri agli Europei – dove andremo a finire, signora mia. Ovvero una sgangheratissima festa che tentava di far stare insieme tutto, le carrambate e i ricordi, lo show di marca generalista per un pubblico ultra-generalista e magari anche qualche momento di calcio. Una cosa da non credere, con la diretta degli azzurri che ripartono in Frecciarossa per Firenze – un viaggio epocale – salutati coi fazzoletti come per un bastimento anni Venti. A parte che tifosi e appassionati veri hanno passato la serata incollati a se stessi in gesti scaramantici, il senso è: una cosa simile, o la fermi prima cacciando via chi ha avuto la pensata oppure, se non puoi farlo per intuibili motivi di sponsor e prebende, viene fuori così. E ti segue a malapena solo lo strettissimo pubblico di Raiuno. Mah.
Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...