News

Saviano, non ci sono le condizioni per andare in onda

«Non si è risolto nulla, oggi non ci sono le condizioni per andare in onda serenamente, perchè non si sta lavorando serenamente». Così Roberto Saviano, in collegamento con il Tg La7 condotto da Enrico Mentana, a proposito della messa in onda di “Vieni via con me“, il nuovo programma con Fabio Fazio previsto su Raitre dall’8 novembre. Per lo scrittore, «non è soltanto una questione di ospiti, questa è stata una grande fesseria raccontata riguardo i compensi per cercare di trovare da parte loro, dai dirigenti Rai, una legittimazione a farci lavorare male». Tanto è vero che «tutti gli ospiti hanno subito dichiarato di voler venire gratis per dimostrare che quello che dicevano sui compensi i dirigenti Rai era falso».

In realtà per lo scrittore, autore di Gomorra, «non si vuole che le storie che ho scritto vengano raccontate in prima serata e arrivino a molte persone». I temi che avrebbe toccato nei suoi monologhi, comunicati all’azienda, erano «la fabbrica del fango, i rapporti tra mafia e politica, il ritorno della spazzatura a Napoli, le favole raccontate sul terremoto in Abruzzo». Una dichiarazione giunta al termine di una giornata convulsa, seguita alle indiscrezioni su uno stop al programma a causa dei costi, giudicati dal dg Mauro Masi troppo elevati, per gli ospiti della prima puntata.

Nessuna battuta d’arresto ai contratti di “Vieni via con me”, hanno detto nel pomeriggio alla Rai. La conferma del via libera alle quattro puntate prodotte dalla Endemol arriva da ambienti della direzione generale. Dopo che stamane era stato lo stesso dg Mauro Masi a smentire le indiscrezioni di stampa su un possibile blocco del programma a causa dei costi, giudicati troppo elevati dal dg, per gli ospiti previsti nella prima puntata. Nel mirino, in particolare, il contratto di Roberto Benigni (250mila euro). Ma in serata il nodo si scioglie con l’annuncio del manager del comico toscano («se ci sarà “Via con me”, Benigni parteciperà a titolo gratuito»). Un invito ben accolto ai piani alti di viale Mazzini. «Se così fosse – filtra dalla direzione generale – l’azienda ne sarebbe lietissima».

Insomma, il possibile stop del programma di Fazio e Saviano sembra ormai superato dopo le indiscrezioni pubblicate stamane da alcuni organi di stampa. Secondo cui nel mirino del dg c’erano i costi previsti per ogni singola puntata. E soprattutto i contratti giudicati troppo onerosi di alcuni ospiti (da Benigni aPaolo Rossi, ad Antonio Albanese), che avrebbero partecipato al debutto del programma. Lo stesso Masi aveva poi corretto il tiro con una dichiarazione in cui si faceva rilevare «che in un caso la richiesta è di 250mila euro per una sola puntata». Il direttore generale aveva puntato poi il dito contro la stampa. «Al riguardo – aveva aggiunto Masi – c’è più che il sospetto che alcune notizie vengano fatte filtrare accampando inesistenti motivazioni politiche per “forzare” la trattativa economica». Il dg si era detto comunque fiducioso «nel recupero di ragionevolezza e quindi nel buon esito della trattativa stessa».

Malgrado la smentita del direttore generale, il clima in Rai, funestata anche dallo scontro sulla puntata di Report dedicata al premier Silvio Berlusconi, resta però difficile. E ad alimentare lo scontro è intervenuto anche il direttore di Raitre, Paolo Ruffini che solleva dubbi sulla messa in onda del programma. «Non sono sicuro se dopo quello che è successo Fazio e Saviano abbiano ancora intenzione di fare il programma – continua Ruffini -, né se in questo clima ci siano le condizioni per farlo come si deve proteggendo sia i protagonisti che li artisti ospiti. Nessuno di loro meritava una giornata come questa». Protesta invece la Federazione nazionale della stampa attraverso il segretario generale Franco Siddi. «Siamo ormai a scene da fine impero. Dopo il tentativo di fermare “Annozero” e le pressioni politiche, inutili, per condizionare Report, ora gli approfondimentì che rallentano la trasmissione del programma di Fazio e Roberto Saviano».

Insomma, le tegole per il programma del duo Fazio-Saviano aumentano. E già la collocazione in palinsesto era stata al centro di frizioni con la direzione generale. Che, contrariamente agli accordi, aveva deciso di modificare la messa in onda: non più di mercoledì ma di lunedì contro il Grande Fratello partito ieri su Canale 5. L’altra grande corazzata targata Endemol, che produce anche “Vieni via con me”.

[di Celestina Dominelli – ilsole24ore.com]

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...