News

“C’è posta per te”, il peggio della Tv di oggi

Sgombriamo il campo da equivoci: Maria De Filippi è la migliore presentatrice attualmente in servizio, brava fin dal suo debutto in video, molto probabilmente perché lei con la tv ci dorme, ci convive h24, avendo deciso di trascorrere la vita privata con uno dei personaggi che più s’identificano col mezzo. Anche quando mangiano, chiacchierano, ricevono amici, lei e il marito fanno tv, sono la tv.

In ogni caso, De Filippi aveva un’attitudine congenita: risulta inarrivabile perché è una televisiva a sangue freddo, un rettile del tubo catodico. Pur avendo scelto di maneggiare nelle sue trasmissioni esclusivamente contenuti hard – macelleria sentimentale spinta al parossismo – rimane impassibile, col ciglio bistrato asciuttissimo. Al patetismo su cui fonda il formidabile blockbuster C’è posta per te (il sabato in prime time su Canale 5 raccoglie fino al 28% di share, anche grazie alle guittate di Paolo Bonolis), non aggiunge il coinvolgimento emotivo. Riuscite a immaginare cosa sarebbe questo programma nelle mani di una collega piagnucolosa?

Lo stile di conduzione di Maria De Filippi è scarno, si apprezza per immediatezza, lontananza dalle sbavature di tanta televisione del secolo scorso, “signore e signori…”, “cari amici vicini e lontani…”, eccetera, eccetera. Entra in studio e va al nocciolo, saluta a stento, a mezza bocca, e parte… laddove servono due parole, ne usa una, se riesce sopperisce con un ringhio, uno sbuffo, un soffio. Passeggia avanti e indietro, simile a una fiera in gabbia, pronta a sbranare, a smembrare, tenendo per sé – e quindi per il pubblico – brandelli di croccante umanità utile a far crescere l’audience, tenendola su livelli alti. In una intervista leggo che le costa ottenere certi risultati e le credo. Sia chiaro, però, proprio perché strepitosa nel maneggiare la spazzatura, non è che la discarica smetta di emanare miasmi.

Un tizio pronuncia il fatidico “ti amo” e parte la musica romantica, che va dritta dove deve, si abbassano le luci, appaiono in sovrimpressione sulle pareti della scenografia scritte sdolcinate, arrivano bimbi tenerissimi con i fumetti della vita dei due fidanzatini dipinti sulle magliette… Insomma, si fa l’impossibile per far capitolare l’indecisa. E lei infatti capitola. Come farà il povero spasimante che non abbia accesso alla tv a gareggiare con questi, baciati dal privilegio della presenza in video, su una grande emittente?

Le scelte della De Filippi cambiano la grammatica amorosa, costringono gli spasimanti a puntare l’asticella della prestazione sempre più in alto. La conduttrice avrà valutato la responsabilità? Ad una madre afflitta dal senso di colpa cronico, che al solo vedere i figli scoppia in lacrime per cui avrebbe bisogno di inchiodarsi da un bravo strizzacervelli, fa piombare un bocconcino di attore tra le braccia, come dire: diamo una smossa alla menopausa di questa!

Fidanzati fedifraghi, figli devoti, genitori incompresi o incomprensibili, amici-nemici, traditi e traditori, l’intero barnum della commedia umana è rappresentato. C’è posta per te incarna il meglio del peggio della grandefratellistica televisione dei nostri tempi. Il meglio, perché nulla viene lasciato al caso o realizzato con sciatteria, la macchina infernale gira alla perfezione. E l’ infida operazione di assalto al cuore e alla pancia dei telespettatori diventa tanto più pericolosa se messa in atto da una presentatrice abile. In grado di far cadere nella trappola gli ingenui come i più avvertiti o diffidenti.

[E’ la tv, bellezza! di Mariano SabatiniTiscali.it]

Advertisements

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...